Piadine con esubero di lievito madre

Uno dei grandi crucci di chi, come me, usa il lievito madre per la panificazione, è l’utilizzo dell’esubero. Biscotti, cracker, impasti veloci, ma diciamoci la verità: quanto son più buone le piadine fatte in casa rispetto a quelle prese nei negozi? Così ho perfezionato la mia combinazione ideale per l’impasto perfetto. Queste sono le dosi per 100 grammi di esubero, se ne avete di più al momento del rinfresco, vi basterà moltiplicarle (es. per 150g di esubero, moltiplicate tutto per 1.5).

 

INGREDIENTI:

  • 100 g di esubero di lievito madre MASSIMO DI 48 ORE
  • 40g di latte parzialmente scremato a temperatura ambiente
  • 40g di acqua a temperatura ambiente
  • 20g di strutto (o olio EVO a vostro piacere)
  • 4g di sale
  • 150g di farina

PROCEDIMENTO:

Spezzettare e sciogliere il lievito madre nei liquidi, aggiungere lo strutto e la farina e impastare per qualche minuto. Verso la fine incorporare il sale. Fate un panetto che deve risultare liscio ed omogeneo, procedete a una pirlatura anche sommaria e mettete a riposare sotto un canovaccio per 30/60 minuti NON OLTRE UN’ORA.

Finito il riposo dell’impasto, dividetelo in panetti da 70/80g e date ad ognuno una forma circolare spianandoli con il mattarello. Fate cuocere su apposita padella, o padella antiaderente leggermente unta d’olio o fornetto Ferrari.

Le piadine si conservano morbide se avvolte in carta casa ed esternamente foglio di alluminio. Possono essere congelate ed utilizzate con una ventina di secondi in microonde. MAI-PIU’-SENZA!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *